Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo

Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Tel/3883642614



sabato 9 aprile 2011

Appello per l’Istituto Musicale Pietro Mascagni di Livorno

 

FIRMA ANCHE TU «l'Appello per l’Istituto Musicale Pietro Mascagni di Livorno »




Al Sindaco del Comune di Livorno Al Presidente della Provincia di Livorno Al Presidente della Regione Toscana Al Ministro dell’Università e della Ricerca L’Istituto Musicale Pietro Mascagni è stato fondato nel 1953 in seguito ad un esemplare “percorso partecipato” con il coinvolgimento degli Enti Locali, del Provveditorato agli Studi, del Cel, delle Associazioni Culturali, delle Organizzazioni Sindacali, degli Istituti Bancari e di personalità della cultura livornese.Da allora è iniziata una fase di ininterrotta crescita che ha portato prima, nel 1978, al pareggiamento ed adesso, in seguito alla legge 508/99 di riforma degli studi musicali, al riconoscimento dello status di Istituto Superiore di Studi Musicali inserito a pieno titolo nel settore dell’Alta Formazione Artistica e Musicale.Questo cammino è stato caratterizzato dallo stretto rapporto con gli Enti locali e con il territorio al quale l’Istituto ha da sempre offerto attività e progetti avvicinando migliaia di cittadini alla musica, ben oltre il compito istituzionale della formazione professionale di riconosciuta qualità che ha permesso a centinaia di studenti di lavorare nel settore della musica a ogni livello. Adesso la riduzione dei finanziamenti da parte del Comune di Livorno, l’azzeramento dei contributi del Ministero dell’Università e della Ricerca e le prospettive di ulteriori tagli alla finanza degli Enti Locali mettono in serio pericolo la sopravvivenza di questa Istituzione. Consideriamo L’Istituto Musicale Mascagni una preziosa, irrinunciabile risorsa di livello universitario per la città di Livorno, per il territorio provinciale e regionale e un’opportunità formativa di eccellenza per i giovani. Chiediamo pertanto: - il reintegro dei finanziamenti;- che siano assicurate le risorse necessarie per il mantenimento, nel futuro, della qualità dell’offerta formativa;- che sia dato corso al processo di statizzazione come previsto dalla legge 508/99.